Benessere

I motivi per cui dormire mantiene il cervello giovane

Esiste da tempo il luogo comune che, con il passare del tempo, si dorma di meno, come se fosse sano e accettabile. Del resto molti pensano, “se accade è perché è naturale, quindi va bene così”.

Quello che è vero è che con l’età possono cambiare gli schemi del sonno, ma questo non implica che le persone più adulte o senior non necessitino di dormire.

La deprivazione del sonno è internazionale

La deprivazione del sonno sta diventando un problema in tutti i paesi industrializzati, tanto che negli Stati Uniti i Centers for Disease, Control and Prevention parlano di una vera e propria epidemia di deprivazione del sonno. Le ore di sonno per un adulto dovrebbero aggirarsi tra le 7 e le 8 ore, ma più di un terzo degli adulti lavoratori, ne dormono di meno. Alcune persone non riescono a dormire, altre lo fanno per scelta pensando di ricarvarsi uno spazio vitale serale dopo una giornata di lavoro e questo ha incrementato e incrementa i disturbi del sonno.

Quali sono le ragioni per cui avvengono i cambiamenti nelle abitudini relative al sonno?

  1. assunzione di medicinali a causa di malattie
  2. variazioni del ritmo circadiano
  3. menopausa nelle donne che implica un cambiamento ormonale
  4. problemi alla prostata negli uomini
  5. digestione, acidità, gastrite
  6. riduzione della produzione di melatonina nel cervello
  7. ansia, stress e alti livelli di cortisolo

Il riposo rigenera il cervello

Questa è l’unica ragione per la quale riposare e dormire la notte dovrebbe essere prioritario per qualsiasi persona. La mancanza di sonno, ormai è stato correlato da un punto di vista scientifico, può causare depressione (ndr un tempo si credeva che fosse la depressione a causare la mancanza di sonno). Dormire male ci mette di cattivo umore perché l’amigdala viene stimolata eccessivamente e ci condiziona mettendoci in uno stato di allerta. La mancanza di sonno, inoltre, influisce sul nostro peso. Dormire poco viene interpretato dal cervello come un segnale di mancanza di forza fisica ed energia, per cui le persone che dormono poco sono propense a mangiare i più durante il giorno. La resilienza emotiva è dunque una conseguenza del riposo notturno.

Durante il sonno, poi, la mente viene ripulita come in una sorta di backup. Questa azione favorisce l’attenzione e la concentrazione di giorno, oltre che a proteggere la memoria. Come hanno dimostrato alcuni studi dell’Università di Berkeley sulla memoria la mancanza di sonno conduce alla perdita della memoria poiché sono le onde cerebrali che trasferiscono durante il sonno profondo i ricordi dall’ippocampo alla corteccia dove vengono trattenuti per lungo tempo. Se il processo viene ostacolato o saltato, questo trasferimento non avviene e i problemi di memoria aumentano. Infine, alcuni studi correlano l’insorgenza dell’Alzheimer con la mancanza di sonno.

Ma se una persona ha davvero difficoltà a dormire, come può risolvere il problema?

Ecco come tornare a dormire bene

La prima cosa da fare per tornare a dormire bene è creare uno spazio nella camera da letto che favorisca il sonno. Innanzitutto togliete tutte le sorgenti di campi elettromagnetici: non tenete in camera televisori, computer, telefonini. Per favorire la produzione di melatonina, la stanza deve essere completamente al buio. Anche il silenzio è fondamentale per tornare al sonno e infine, ricordatevi che il corpo dorme meglio al fresco. Quindi la temperatura ideale oscilla tra i 17 e i 19 gradi. Ovviamente il materasso deve essere comodo.

Le altre abitudini

Il sonno è un rituale che richiede regolarità per questo è opportuno coricarsi presto e svegliarsi presto (lo abbiamo già spiegato qui). Se proprio non ce la fate ad alzarvi presto alla mattina, potete sempre optare per addormentarvi sempre alla stessa ora e alzarvi di conseguenza. Evitate sostanze stimolanti come la caffeina e la teina (sono eccitanti e sottovalutate. Ma in realtà contribuiscono alla produzione di cortisolo che aumenta lo stato di tensione interiore).

Mangiate poco alla sera e cercate di non cenare più tardi delle 20. La digestione è una alleata se è buona, ma diventa un inferno notturno, quando è cattiva.

Se poi volete conoscere due trucchi per addormentarvi facilmente, eccoli qui su un piatto d’argento:

il primo è scaldarvi per raffreddarvi sotto le coperte nel sonno. Potete fare un bagno o una doccia calda, prima di coricarvi. Il secondo è facilitare la produzione di triptofano che agevola il sonno bevendo una bevanda calda come il latte (anche quello non vaccino) o una tisana.

Provate ad adottare questi trucchi per qualche settimana e se vi va, fatemi sapere come procede

(a cura di Viviana Musumeci, founder di Gaiazoe.life)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: