Contenuti

Lo sapevate che basta lo stile di vita di tre americani medi per inquinare il Pianeta?

Un'analisi che si basa su studi sulla salute pubblica ha evidenziato come ogni 4.434 tonnellate di CO2 prodotte, una persona a livello globale morirà

Spesso, quando si pensa alle emissioni di CO2, i Paesi che vengono subito in mente come quelli meno virtuosi sono la Cina, la Russia, il Brasile e altri ancora. Non che questi Paesi siano dei protettori del pianeta, tutt’altro, ma quando si tratta di luoghi comuni e cliché, è facile farsi fuorviare. Ad esempio, da quando Trump è stato spodestato da Biden, quasi automaticamente abbiamo pensato che gli Stati Uniti tornassero ad essere il “Paese dei buoni” e forse, in questo abbiamo incluso anche la questione sull’ambiente. Niente di più sbagliato, soprattutto in fatto di stile di vita.

La ricerca sulla salute pubblica

Il Guardian ha riportato i risultati di una ricerca che è stata effettuata su studi basati sulla salute pubblica che ha evidenziato come lo stile di vita di tre americani medi possano creare sufficienti emissioni di CO2 per il riscaldamento del pianeta per uccidere una persona in qualsiasi parte del mondo; e come la produzione di CO2 di una singola centrale elettrica a carbone potrebbe provocare più di 900 morti. La ricerca è stata effettuata basandosi su quello che è noto come “il costo sociale del carbonio”, ovvero una cifra monetaria applicata ai danni causati da ogni tonnellata di emissioni di anidride carbonica, assegnando un bilancio delle vittime previsto dalle emissioni che causano la crisi climatica.

Le conclusioni tratte al termine di questa analisi indicano come per ogni 4.434 tonnellate di CO2 pompate nell’atmosfera oltre il tasso di emissioni del 2020, una persona a livello globale morirà prematuramente a causa dell’aumento della temperatura. Questa CO2 aggiuntiva è equivalente alle attuali emissioni nel corso della vita di 3,5 americani.

Le cifre relative alle morti attese per il rilascio di emissioni – ha spiegato il Guardian – non sono definitive e potrebbero essere ampiamente sottostimate in quanto tengono conto solo della mortalità legata al calore piuttosto che delle morti dovute a inondazioni, tempeste, cattivi raccolti e altri impatti che derivano dal clima crisi, secondo Daniel Bressler dell’Earth Institute della Columbia University, che ha scritto il documento. Anche l’inquinamento atmosferico causato dalla combustione di combustibili fossili sta uccidendo direttamente le persone, con uno studio storico dell’Università di Harvard pubblicato a febbraio che ha scoperto che più di 8 milioni di persone nel mondo muoiono ogni anno a causa degli effetti sulla salute dell’aria tossica. “C’è un numero significativo di vite che possono essere salvate se si perseguono politiche climatiche più aggressive rispetto allo scenario normale”, ha affermato Bressler. “Sono rimasto sorpreso da quanto sia grande il numero di morti. C’è qualche incertezza su questo, il numero potrebbe essere inferiore ma potrebbe anche essere molto più alto”. La ricerca, pubblicata su Nature Communications, illustra le vaste disparità nelle emissioni generate dal consumo delle persone in diversi paesi del mondo. Mentre bastano solo 3,5 americani per creare emissioni sufficienti in una vita per uccidere una persona, ci vorrebbero 25 brasiliani o 146 nigeriani per fare lo stesso, secondo il documento.

(Fonte Guardian – adattamento a cura di Gaiazoe.life)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: