Le mascherine contro il Covid continuano a inquinare: un appello

Una azienda veneta, Ninfea, di recente ha fatto parlare di sé relativamente alla produzione di mascherine contro il Covid poiché ancora oggi, nel pieno della seconda ondata del Coronavirus, continuano a essere prodotte in tessuto o materiale inquinante.

E’ per questo che l’azienda ha lanciato un appello agli organi di stampa affinché avvenga una sensibilizzazione contro l’uso delle mascherine inquinanti a favore della produzione di protezioni più eco friendly.

Non a caso, l’azienda ci ha tenuto a ribadire la propria lontananza dalle produzioni non sostenibili invitando i produttori a convertirsi a materie più rispettose dell’ambiente per confezionare le mascherine.

Improntiamo metodi di lavoro e prodotti sulla qualità tecnologica ed ergonomica. Traspirabilità, biocompatibilità, irritazione, citotossicità e sensibilizzazione cutanea non sono solo parole da validare in un laboratorio: sono parametri in grado di influire sulla qualità delle nostre giornate, della nostra protezione, della nostra serenità”, ha dichiarato Laura Pilotto, ceo di Ninfea

Ninfea Srl si è impegnata anche nel rifornimento delle scuole, tanto che alcuni genitori hanno anche ringraziato l’azienda per l’inserimento durante le lunghe giornate in classe, di mascherine lavabili, ma sicure e sostenibili.

Insomma, vale la pena pensarci e acquistarle, per contribuire a impattare meno sul nostro pianeta (a cura di Gaiazoe, il sito di lifestyle ecosostenibile)

gaiazoe

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.