La sostenibilità di Canada Goose

 

 

Quando si parla di sostenibilità, le aziende che usano prodotti derivati dagli animali rischiano sempre di finire nel tritacarne delle associazioni animaliste. Eppure, c’è modo e modo di trattare sia gli animali, sia il Pianeta e spesso, dietro queste aziende ci sono programmi dettagliati e virtuosi che lavorano a favore di quest’ultimo. Canada Goose è uno di queste e infatti nel 2020 si è impegnata definitivamente nella svolta sostenibile attivando programmi che si realizzeranno entro il 2030.

Gaiazoe ha intervistato in esclusiva Gavin Thompson, il VP of Corporate Citizenship che guida le iniziative del marchio “Programmi del Nord” che riguardano sostenibilità, Canada Goose Resource Center, Progetto Atigi, la partnership Polar Bears International (PBI) e il progetto  Students on Ice

Sostenibilità e moda: qual è la visione di Canada Goose in questo periodo che coincide con una pandemia mondiale, visto che molti avevano visto questo virus come una chiave di volta per cambiare paradigma?

 

La sostenibilità in Canada Goose rimane una priorità aziendale strategica indipendentemente da ciò che sta accadendo nel mondo che ci circonda in questo momento e i nostri team in tutto il mondo si stanno muovendo rapidamente per raggiungere questi obiettivi. Canada Goose ha preso una decisione consapevole di essere una parte positiva dei cambiamenti necessari e siamo fiduciosi che gli obiettivi che ci siamo posti attraverso la nostra strategia di impatto sostenibile continueranno a ispirare le nostre persone, i nostri fornitori e i nostri clienti a unirsi proteggere il mondo esterno. Con il lancio della nostra strategia sull’impatto sostenibile, mettiamo un palo nel terreno, delineando gli impegni aggressivi e le tempistiche che stiamo assumendo per garantire un futuro al nostro pianeta.
Ora più che mai, i consumatori vogliono sapere cosa stanno facendo le aziende per gestire il loro impatto sull’ambiente, vogliono acquistare da un’azienda che fa bene al mondo e sono consapevoli di come e dove sono realizzati i loro prodotti. Questo ultimo impegno da parte nostra, si basa sulla nostra strategia di impatto sostenibile, che abbiamo lanciato nell’aprile 2020.

Quali sono i progetti e le strategie che attuerete da qui al 2030 nel campo della sostenibilità?

La sostenibilità non è un territorio nuovo per noi, siamo sempre stati trasparenti riguardo alla nostra attività: come e dove ci riforniamo di materiali e fabbrichiamo prodotti, il nostro impegno per l’ambiente e le comunità che serviamo. Lo scorso aprile abbiamo pubblicato la nostra prima strategia di impatto sostenibile e il nostro rapporto annuale; ora abbiamo un impegno annuale per monitorare i nostri progressi rispetto a questi obiettivi aggressivi. Ecco cinque iniziative chiave, oltre ai numerosi obiettivi del nostro piano:

  • Carbon Neutrality: zero emissioni di gas serra dirette e indirette (Scope 1 e 2) entro il 2025, attraverso piani d’azione aggressivi e tangibili che mirano a ridurre le emissioni di oltre l’80% rispetto ai livelli attuali.
  • Pelliccia di recupero: nel 2022, abbiamo in programma di introdurre pellicce di recupero nella nostra catena di fornitura, che include l’inizio della produzione di parka utilizzando pellicce di recupero e la fine dell’acquisto di nuove pellicce.
  • Responsible Down Standard (RDS): nel 2019, in collaborazione con Textile Exchange, abbiamo completato audit di conformità di terze parti presso il 100% dei nostri stabilimenti di produzione e ci siamo impegnati a ottenere la certificazione RDS al 100% entro il 2021.
  • bluesign®: impegnarsi a raggiungere il 90% dei tessuti Canada Goose come bluesign® approvato per pratiche responsabili e sostenibili entro il 2025, in aumento dal 32% nel 2019.
  • Plastic-Free: eliminare la plastica monouso in tutte le strutture di proprietà o controllate di Canada Goose entro la fine del 2020.

I rapporti futuri metteranno in luce l’evoluzione della nostra strategia e introdurranno nuove iniziative fino al 2025 e oltre.

La sostenibilità non è solo sinonimo di riduzione delle emissioni di CO2, ma anche di rispetto per gli animali. Come vi state muovendo in questo ambito, vista la composizione dei vostri capi?

Siamo un’azienda basata sulla funzione, focalizzata sulla creazione di prodotti di altissimo livello che funzionano e si comportano come nessun altro; il nostro impegno per la qualità è sintonizzata sulle esigenze dei nostri clienti. Attraverso la filosofia Canada Goose di Humanature, il rispetto tra le persone e il mondo naturale, ci siamo sempre impegnati a mantenere la terra fredda e le persone al caldo.
Ridurre, riutilizzare, riciclare sono gli elementi fondanti della sostenibilità. Usiamo vera pelliccia perché crediamo che sia il miglior materiale naturale disponibile per proteggere dai climi rigidi ed è sostenibile. Non importa dove siano indossati adesso, i nostri prodotti si comportano come nessun altro. Per noi questo significa costruire prodotti durevoli di alta qualità e prolungarne il ciclo di vita il più a lungo possibile attraverso la riparazione. Ecco perché, come parte della nostra prima strategia di impatto sostenibile, uno dei nostri obiettivi è introdurre pellicce rigenerate nella nostra catena di approvvigionamento entro il 2022. Le pellicce rigenerate sono pellicce esistenti che sono già in circolazione. Come per molti dei nostri prodotti e progetti, siamo stati ispirati dalle persone del Nord. Le comunità Inuit spesso riutilizzano la pelliccia anno dopo anno, per creare nuovi modelli di parka e accessori tradizionali fatti a mano per mantenere se stessi e le loro famiglie al caldo. La vera pelliccia è sostenibile, rinnovabile e biodegradabile e impegnandoci a recuperare pellicce stiamo rendendo un materiale già sostenibile ancora più sostenibile.
Allo stesso modo, abbiamo scelto di utilizzare il piumino naturale nelle giacche perché è la migliore fonte naturale di calore in rapporto al peso. Un sottoprodotto dell’industria del pollame, la piuma naturale ha anche un impatto 18 volte inferiore sui cambiamenti climatici rispetto all’imbottitura in poliestere, secondo una valutazione del ciclo di vita (LCA) che ha studiato l’impatto ambientale della piuma rispetto al materiale di riempimento in poliestere. Inoltre, all’interno del nostro rapporto sulla sostenibilità, abbiamo annunciato il nostro impegno nei confronti del Responsible Down Standard, uno standard globale indipendente che è stato sviluppato con il contributo di gruppi per il benessere degli animali, esperti del settore e produttori. Abbiamo già completato audit di conformità di terze parti presso il 100% dei nostri stabilimenti di produzione e ci impegniamo a ottenere la certificazione RDS al 100% entro il 2021.

Qual è la tua idea di “sostenibilità” quando si tratta di come vengono trattati i dipendenti di Canada Goose? È in linea con l’agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile delle persone, del pianeta e della prosperità?

La nostra cultura dei dipendenti in Canada Goose è forte ed è una parte fondamentale di ciò che ha reso questa azienda così di successo. Siamo autentici, implacabili, appassionati, intraprendenti e innovativi e non ci accontentiamo mai della strada più battuta. I nostri standard elevati per le nostre persone e i nostri prodotti devono riflettersi anche nelle condizioni di lavoro dei nostri fornitori in tutto il mondo e garantiamo, attraverso il nostro Codice di condotta, di proteggere e rispettare le persone che contribuiscono alla realizzazione dei nostri prodotti. Il codice delinea i nostri standard per condizioni di lavoro inclusive, sicure e sane e il nostro impegno per la responsabilità ambientale lungo l’intera catena di fornitura.

Inoltre, la nostra strategia di impatto sostenibile si allinea direttamente con 4 degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) fissati dalle Nazioni Unite nel 2015, perché è all’interno di queste aree che riteniamo di poter ottenere il massimo impatto. L’obiettivo 8 degli SDG promuove la crescita economica inclusiva e sostenibile, l’occupazione e il lavoro dignitoso per tutti. Per raggiungere questo obiettivo, Canada Goose sta portando avanti diverse iniziative all’interno dell’azienda a sostegno delle economie locali nella nostra catena di fornitura, oltre a creare ruoli per i nuovi canadesi attraverso le nostre scuole di cucito. Contribuiamo e investiamo nell’economia canadese attraverso la produzione in Canada, oltre a creare posti di lavoro ben retribuiti in altre parti del mondo.

Crediamo fortemente nel potere dell’inclusione; che il nostro lavoro migliore avviene quando le persone mettono al lavoro il loro sé autentico e vengono accolte esattamente per quello che sono. Abbiamo recentemente lanciato il Canada Goose Inclusion Advisory Council, un gruppo di persone diverse da tutto il mondo, in diversi dipartimenti che hanno un interesse e una passione nella creazione di spazi inclusivi per tutti, agendo come leader di pensiero e consulenti su questioni di inclusione all’interno del Comunità di dipendenti Canada Goose.

Durante l’annuale Forum politico ad alto livello delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (HLPF) nel 2019 è stato ribadito l’impegno a non lasciare indietro nessuno riconoscendo al contempo che la dignità della persona umana è fondamentale come al centro dell’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Dare potere alle persone e garantire inclusività e uguaglianza non è solo un promemoria, ma anche un compito difficile in corso e un’opportunità per intraprendere azioni concrete, collettive e mirate.

Quali iniziative sostenete che abbiano un impatto anche a livello sociale?

In Canada Goose crediamo che fare del bene sia un bene per gli affari. In quanto azienda nata nel nord del Canada, crediamo fortemente nel restituire alle persone e alle comunità che ci ispirano.

Abbiamo lanciato il nostro programma Resource Centers nel 2009, reindirizzando i materiali in eccesso per soddisfare le esigenze delle comunità Inuit nel remoto Nord. Il programma ha preso vita due anni prima quando due sarte di Pond Inlet, Nunavut – Meeka Atagootak e Rebecca Kiliktee – hanno visitato la nostra fabbrica a Toronto per aiutarci a realizzare un parka commemorativo, unico nel suo genere, usando i loro tradizionali metodi di cucito Inuit. Notando i tessuti in eccesso nella nostra fabbrica, hanno chiesto di portare il materiale a casa per realizzare le proprie giacche per amici e familiari. La loro richiesta è stata per noi l’inizio di un nuovo modo di restituire al popolo del Nord e di un modo responsabile per trattare i materiali in eccesso che altrimenti andrebbero sprecati. Ad oggi abbiamo donato più di 2 milioni di metri di tessuto a famiglie nelle comunità settentrionali del Canada.

Il progetto Atigi è una delle nostre più recenti iniziative per sostenere e onorare il Nord. Per generazioni siamo stati ispirati dalle sue persone, comunità e paesaggi, quindi questo progetto è incredibilmente speciale per noi. Nel 2019 abbiamo commissionato 14 designer e l’anno scorso abbiamo lavorato con 18 creativi che rappresentavano nove comunità nelle quattro regioni Inuit per creare parka su misura e unici utilizzando le loro abilità e design tradizionali con i nostri materiali e tessuti moderni. Negli ultimi due anni, il progetto Atigi è stato sviluppato come programma di imprenditoria sociale per i designer Inuit sfruttando la nostra piattaforma globale per mostrare i loro straordinari progetti. Il cucito è importante per la cultura e la tradizione Inuit e con Project Atigi stiamo mostrando al mondo l’incredibile maestria di questi talentuosi designer. Per noi di Canada Goose è importante continuare a sensibilizzare sul nostro rapporto in corso per i programmi del Nord.
Per più di un decennio, abbiamo anche supportato Polar Bears International (PBI), l’unica organizzazione dedicata esclusivamente alla conservazione degli orsi polari selvatici e del loro habitat. La diminuzione del ghiaccio marino e il riscaldamento globale stanno minacciando queste grandi creature del Nord. I nostri contributi a PBI assumono molteplici forme. Ad oggi abbiamo raccolto oltre 4 milioni di dollari canadesi per sostenere la ricerca.
Durante la pandemia globale del marzo 2020, abbiamo iniziato a produrre scrub e camici per pazienti distribuendoli agli ospedali per compensare la carenza in tutto il paese in Canada. Abbiamo rapidamente istituito il Canada Goose Response Program per rispondere alle esigenze dei nostri dipendenti e del sistema sanitario del paese. Le fabbriche sono state in grado di passare dalla lavorazione dei cappotti ai DPI in pochi giorni, riportando i dipendenti al lavoro e donando inizialmente 10.000 unità. La produzione è quindi cresciuta fino a produrre 100.000 unità a settimana in base a contratti del governo federale e provinciale, con un piano per realizzare più di 2 milioni in totale entro ottobre 2020, il tutto a costo. Il programma continuerà in futuro come risorsa per supportare eventi globali senza precedenti.
Penso che tutte le aziende abbiano la responsabilità morale e la capacità di apportare cambiamenti e avere un impatto sull’ambiente, guidando un cambiamento immediato e a lungo termine per il futuro.

(Intervista di Viviana Musumeci per Gaiazoe, il blogzine sostenibile dedicato al lifestyle ecologico e green)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.