Brain Gym : il “fitness” che migliora le potenzialità del cervello

Il cervello, ormai, sempre più spesso è al centro degli studi neuroscientifici che ne indagano i meandri per comprendere le conseguenze e gli influssi che ha sulle nostre vite, a partire dal nostro corpo; la Brain Gym è una tecnica creata da Paul Dennison e da sua moglie Gail Dennison nel 1969 che offre un modello di apprendimento  fondato su test muscolari ed esercizi motori e coordinativi che vanno a stimolare i processi di integrazione cerebrale in modo preciso e diretto.

Carlotta Colombo, esperta di Apprendimento Movimento & Rilassamento presso lo studio BraingLab di Firenze ha risposto ad alcune domande di GaiaZoe per spiegarne i benefici.

Innanzitutto, in cosa consiste la Brain Gym?

E’ una tecnica che, attraverso una serie di movimenti e un percorso, chiamato bilanciamento, consente di riprogrammare o sovrascrivere stress e disordini o tappe non agite dello sviluppo psicomotorio .
Si identificano paure, intenzioni bloccate o stress e si termina il processo con la disponibiltà di  nuove risorse, per superarle  e reintegrarle.
Spesso si è in grado di fare quello che si è sempre rimandato.

Quali sono i cambiamenti che provoca?

L’integrazione fra le aree del cervello sono un  prerequisito fondamentale per un’ integrazione completa e il funzionamento ottimale di corpo e mente. Attraverso il movimento si attivano nuove connessioni neuronali. Il movimento,infatti, influisce in modo determinante sulla neuroplasticita’. Non è una comprensione intellettuale, ma una conoscenza attraverso l’ascolto del corpo. I blocchi di mente e corpo trattengono attraverso tensioni muscolari. Brain Gym insegna   a recuperare  la potenzialità dell’ attività degli stimoli dal corpo al cervello,per apprendere nelle attività didattiche ma anche in qualsiasi contesto. Dennison osservò che i disturbi dell’apprendimento erano spesso legati a una mancanza di coordinazione e all’aver perso  qualche tappa della crescita, che lui definisce “squisitamente naturale”. È un sistema unico di apprendimento e di riprogrammazione. La ricerca delle proprie risorse avviene integrando gli emisferi destro e sinistro del cervello  con tutte le loro aree e particolari funzioni attraverso nozioni agite  di alto e basso , di davanti e dietro, di sopra e sotto:le tre dimensioni. Questi semplici movimenti agiscono come micro interventi che colmano eventuali mancanze dell’integrazione di aspetti psicomotori  e capovolgono l’aspettativa di fallimento.

Perché è utile questa “ginnastica” per il cervello?

L’utilizzo di soltanto alcune  aree dominanti di ciascun emisfero crea  atteggiamenti ripetitivi che diventano  automatici, conducendo facilmente a un atteggiamento evitante di fronte a nuove sfide.
Il cervello si spegne per un meccanismo di sopravvivenza e difesa . A questo punto la parte razionale non ha chance in quanto la parte emozionale ha il sopravvento  con una reazione di congelamento, attacco o fuga e non da più accessi. Il corpo crea una barriera difensiva ma nello stesso tempo incide sugli stessi traumi e tensioni dolorose.
Ma  proprio attraverso lo scioglimento di  questi blocchi, più evidenti perché fisici, si danno al cervello degli input diversi.

Da un punto di vista pratico, come funziona?

Esiste una serie di 26 movimenti che aiuta a pulire stress emozionali, che incidono mentalmente e fisicamente  e a riportare risorse
disponibili per  ogni nuova sfida. Gli effetti positivi  riguardano le aree della vista, dell’udito, dell’apprendimento, della  memoria, dell’espressione libera  e della coordinazione. Gli insegnanti riportano spesso miglioramenti nel comportamento, nell’attenzione, nell’atteggiamento di fronte  agli esami, nella partecipazione, nella scioltezza. I bilanciamenti sono una verifica, insieme alla persona, del momento in cui ci si trova e del risultato che si vorrebbe ottenere.
Sì fanno delle verifiche e si guida la persona all’osservazione delle proprie sensazioni e reazioni e  attraverso allungamenti, esercizi di rilassamento e di stimolazione di tappe  della crescita naturale, vengono  rilasciati i blocchi nei muscoli e  si ha accesso alla risorsa cancellata.

A chi è consigliata questa pratica?

Brain Gym è consigliata a tutti . Rende disponibili  le risorse di tutte e due gli emisferi e quindi di tutto le abilità. Il suo valore r aggiunto è la semplicità e la portata al tempo stesso di grandi cambiamenti immediati e la possibilità di avere sempre con sé questi strumenti.

La Brain Gym è un’attività a se stante?

Noi lavoriamo sempre a contatto con pediatri, insegnanti, psicologi e pedagogisti. (Viviana Musumeci)

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.