La Lombardia e il turismo della neve

La neve è già arrivata in Lombardia e già dalla fine di novembre, molti impianti sciistici hanno aperto la stagione, ergo, si può ufficialmente annunciare l’inizio della stagione invernale che, a giudicare da quanto visto finora, si potrebbe preannunciare lunga e ricca.
Da Madesimo a Foppolo, da Bormio a Livigno, da Santa Caterina Valfurva a Ponte di Legno, senza dimenticare i più piccoli, Piani di Bobbio e Valtorta, chi è alla ricerca della discesa perfetta trova 27 comprensori sciistici, 467 piste da discesa, 324 chilometri per lo sci di fondo e 14 snowpark, che sapranno soddisfare ogni tipo di richiesta di sciatori e amanti della neve.

La Valtellina, che ospiterà nel 2026 i Giochi Olimpici e Paralimpici Milano Cortina, vince su tutti, dimostrando di essere la vera regina dello scii, L’area racchiude diversi e ampi comprensori sciistici a cominciare da Bormio, che offre 110 chilometri di piste immerse nel Parco Nazionale dello Stelvio, da cui prende il nome la pista più emozionante della ski area, nonché tradizionale tracciato di Coppa del Mondo. L’impianto sciistico si suddivide in tre aree che comprendono Bormio, Santa Caterina Valfurva e Cima Piazzi-San Colombano, collegate tra loro grazie al servizio navette gratuito e da un unico skipass. All’interno del parco si estendono sentieri adatti a escursioni con le ciaspole da percorrere in compagnia delle guide alpine, piste da fondo e tracciati per lo sci nordico.

Livigno offre 115 chilometri di piste tra le quali spicca quella nera amata dagli sciatori più intrepidi e intitolata a Giorgio Rocca.  Gli impianti di Livigno vantano anche il più celebre snowpark lombardo,

In Valmalenco non ci si può dimenticare dell’Alpe Palù dove funziona la Snow Eagle, ovvero la più grande funivia del mondo. La ski area comprende 60 km di piste da discesa e 37 km di piste da fondo.

Tra le province di Brescia e Sondrio, sorge la ski area ApricaCorteno, che collega le stazioni di Palabione, Magnolta, Baradello e Campetti. La Riserva Naturale di Pian di Gembro e la località di Trivigno ospitano i tracciati di fondo e i sentieri percorribili con la fat bike o con le ciaspole.

Per chi ama la Valchiavenna, Madesimo è sempre una garanzia.

Un altro rilevante comprensorio del territorio lombardo  è il Pontedilegno-Tonale, dove si trova la storica cabinovia Paradiso che, dal Passo del Tonale, raggiunge i 3.000 metri di quota del Passo Paradiso. Oltre allo sci alpino, la ski area è anche rinomata per il fuori pista, lo snow kite e il biathlon.

A solo un’ora di macchina da Milano, in Valsassina, in provincia di Lecco, la neve non manca mai, grazie all’innevamento artificiale programmato. A unire la vallata lecchese a quella brembana sono i 36 chilometri di piste del comprensorio Piani di Bobbio-Valtorta, meta ideale soprattutto per le famiglie grazie alla presenza di piste baby, tracciati per bob e slittini, sentieri nei boschi e campi scuola per i più piccoli. Non mancano i percorsi per lo sci di fondo, due anelli di 7,5 chilometri ciascuno,

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.