A Madrid il clima non fa passi avanti

Molti avevano pensato che la 25a conferenza sul cambiamento climatico organizzata dalle Nazioni Unite e tenutasi a Madrid il 2 dicembre scorso, avrebbe portato a un cambiamento effettivo di comportamento da parte di molti Paesi che ancora oggi non rispettano l’accordo di Parigi firmato nel 2015; purtroppo, quei molti, si sono sbagliati. Al termine del vertice, che in realtà, rispetto a quanto programmato, si è protratto di due giorni, l’unico punto di arrivo è stato quello – molto debole- di invitare di nuovo le nazioni che aderiscono all’Onu ad affrontare in maniera seria e concreta il tema in questione, rimandando a novembre al Cop26, che si terrà a Glasgow, una azione, quantomeno più efficace.

Le emissioni in crescita continua

 

L’ultima valutazione sulle emissioni globali del 4 dicembre ha evidenziato che se le emissioni continuano a crescere al ritmo attuale, l’atmosfera tratterrà un quantitativo di gas serra che porterà a un ulteriore innalzamento della temperatura del pianeta di circa 1,5 gradi in soli dieci anni.

Paradossalmente il gruppo di Paesi che capeggia la difesa dell’accordo di Parigi è rappresentato dall’Europa che si è impegnata a portare le emissioni a zero entro il 2050. Stati Uniti, Russia, Cina, Brasile e India, tentennano ancora fortemente poiché ridurre le emissioni significa anche rinunciare ad alcune a una buona fetta di potere economico.

Secondo il Financial Times, è proprio la Cina a emettere il più alto tasso di emissioni di gas serra a scapito di Paesi che, invece, hanno contribuito pochissimo o per nulla all’accumulo di questi gas.

Insomma, un niente di fatto che slitta di un anno.

(a cura di Gaiazoe.life*)

(*il primo vero blog sul lifestyle sostenibile)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.